Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In vacanza con SuperMario, quello coi baffi (non Balotelli, e neppure Monti)

ManicMiner1024x768
Non è questione di  non essere appassionati di Platform. Io, per esempio, dopo il terzo salto  andato a vuoto perdo la cognizione del tempo,  vivo l'ostacolo in modo ansiogeno,  cado in preda allo sconforto, impreco contro il level designer, precipito in un abisso di frustrazione per un nonnulla. E' così dai tempi di Manic Miner (Spectrum). Eppure,  il fascino di questi labirinti mangia-tempo  è antico e irresistibile. Sopratutto per chi in piena adolescente ha giocato a Donkey Kong  in piedi con le tasche piene di gettoni. Io come allora continuo a vivere i platform in modo cervellotico. Non godo delle vertigine del salto ma provo a entrare nella testa del game designer, anticipo le sue scelte, cerco di capire dove vuole andare a parare, quale è la metafora del livello, che cosa ha voluto dirmi con quell'ostacolo posto in quello specifico punto. Una follia insomma.

Ecco perché per affrontare i miei fantasmi una volta per tutte mi sono portato in vacanza SuperMario 3d Land per Nintendo 3Ds con l'obiettivo di finirlo senza traumi. Magari nei ritagli di tempo, senza urgenza o pressioni. Dovevano essere i miei compiti per le vacanze. Io e Super Mario, da soli, senza ansie da prestazione.

E'' andata male. Ho inveito contro i giapponesi, ho mentito, ho accettato tutti gli aiuti disponibili,  ho detto "un minutino che arrivo devo solo finire questo mondo"  (frase odiosa di cui mi vergogno ancora adesso), e in quattro giorni l'ho finito. Senza gioia. Non ho esultato (il baffuto esultava per me), ho affrontato le sfide con meccanica passione, con una fretta del diavolo di arrivare da Peach (la principessa bionda che SuperMario è condannato a salvare da vent'anni a questa parte).  Eppure, parliamo di un gioco facile facile, lineare lineare, a prova di bimbo. Quelli di Nintendo sono i migliori nei platform, non c'è dubbio. Geniali come sempre per le invenzioni. Mai banali nella coerenza stilistica dei mondi. L'estate con Mario si è rivelata un fallimento. Ma sotto un profilo psicologico. Mi ha insegnato che non conta il gioco o il genere. Contano i traumi del passato. Qualcosa è successo ai tempi di Manic Miner. E ne pago ancora oggi le conseguenze. 

Per la prima volta mi sono portato per le mie due settimane di vacanze Super Mario 3D Land (Nintendo 3ds)