Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Samsung non stupisce ma resta il nemico da battere #2013ces

Samsung non stupisce ma non ne aveva bisogno. Nella conferenza del Ces di Las Vegas conferma di voler essere la regina dell'elettronica di consumo, nei numeri e nella potenza d'urto. Innova, questo sì ma non fa sognare. Del resto da chi vende 500 device mobili al minuto, da sei anni è in in cima alle classifiche di vendita dei televisori, sugli smartphone doppia Apple e ha i tassi di crescita più alti anche su pc e ultrabook qualche salto in avanti è lecito aspettarlo. Invece, i coreani vanno avanti con piccole innovazioni ma che guardano a un mercato preciso. A partire dai televisori: Samsung è il colosso che crede di più nella smart tv. Ha più app, più accordi sui contenuti in streaming e più software interattivi della concorrenza. Il suo annuncio di punta è un Led-Lcd f8000 da 55 pollici con processore quad core (Arm Cortex-A15). Quattro core sono la cifra di questa edizione del Ces di Las Vegas che torna a mettere potenza di calcolo dentro televisori, telefonini e tablet ai ritmi dell'informatica degli anni Novanta nei pc. Quattro core serviranno a governare comandi vocali, telecamera (2 megapixel) ma sopratutto a gestire le immagini per ottimizzare il colore. La rivoluzione delle interfacce. L'altro annuncio interessante è legato all'interfaccia. Smart Hub Ui si compone di cinque pannelli (schermate) che modificano il modo di governare non sole l'ecosistema di applicazioni nate per il video ma anche programmi e contenuti. Si potrà, per esempio, ordinare a voce o scrivendo programmi e video. E fin qui nulla di speciale. La novità è rappresentata da S-Recommendation una piattaforma che sulla carta dovrà non solo sapere chi sei, cosa ti piace ma anche suggerirti i programmi adatti per te. Se qualcuno sta pensando a Siri, forse non è completamente fuori strada. Ma prima di capire se Apple è interessata a chiamare gli avvocati, va detto che il software di Samsung parte con meno ambizioni. Attraverso un sistema di like sarà possibile segnalare i gusti, il sistema – così affermano – promette di capire domande tipo "ci sono partite di serie A in questo momento?" o "c'è un programma che può piacere a mia moglie?". I coreani hanno insistito molto sui gusti delle moglie. Penserà l'algoritmo a fornire il risultato appropriato, sempre che sappia conoscere le moglie meglio dei mariti. Ecco l'evolution kit. L'altra novità di Samsung già in qualche modo annunciata sui siti specializzati è l'evoluito kit, una scatolino con chip a quattro cuori che vuole rendere intelligente i televisori non smart. L'ultra High-Definition TV di Samsung. Anche i coreani hanno svelato la loro Ultra HD, o per meglio dire il loro colosso da 85 pollici. Pare molto bello come tutti gli schermi 4k mostrati in questo inizio di Ces. Covertirà i contenuti in Hd in ultra Hd, un escamotage questo particolarmente furbo vista la mancanza di contenuti nativi in 4k. Dagli altri modelli si differenzia perché sembra montato su un trespolo, da lontano pare una lavagna cromata. Sugli Oled invece pochi gli annunci. Si è capito che debutteranno quest'anno ma a differenza di Lg che hanno già date (primavera di quest'anno, verso marzo a 10mila euro), i colleghi di Samsung sembrano in leggero ritardo. Ecco la NX300. Sul fronte fotocamere Samsung ha deciso di credere nella smart camera. E' una mirrorless, con sistema operativo Android, display Amoled da 3,3 polici, ottica da 45 mm fa foto e filmati anche in 3D. E' un passo in avanti rispetto alla Galaxy camera e guarda a un mercato sostanzialmente nuovo. Arriva Chronos. Anche sul fronte deli ultra book prevision confer mate in merit alla serie 7 Chronos. Sono machine ultrasottili, molt performanti che nascent per sostituire il desktop. Chip da 2.4GHz Intel Core i7 3635QM CPU e AMD Radeon HD 8870M GPU. Il profile è di 21 millimeter. Molto sexy.