Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I primi “hack” di Siri

Quando cominciano ad "hackerarlo" vuol dire che il prodotto è davvero buono. E' successo l'anno scorso a Kinect (Xbox 360)  e avviene lo stesso per Siri, l'agente intelligente presente nei nuovi telefoni della Apple.  La sfida, in questo caso, sembra non solo quella di sfruttare il software di riconoscimento della voce per governare altri gadget, ma anche utilizzare le risposte che Siri fornisce usando il web come database. L'incrocio è particolarmente stimolante perché entrano in gioco social network e software che si possono trovare in rete. Si lavora sui proxy di Siri e da qui si connettono servizi e oggetti. Techcrunch ha raccolta alcuni di questi hack come quello che trasforma il proprio iPhone in un telecomando (anzi, direi vocecomando) in grado di governare l'impianto elettrico di casa.  Usando una scheda Arduino si può cambiare canale. Il processo come si vede nel video è un pochino lento. In più Siri chiede sempre conferma insultandoti perché guardi troppo la tv. Attraverso twitter c'è chi si fa servire una birra (il sistema è davvero articolato ma spassosissmo.

Beeri from redpepper on Vimeo.

 

Tale Brandon Fiquette è riuscito ad accendere la propria auto usando Siri. Pete Lamonica invece riesca a leggere la temperatura di casa e nel caso accendere la caldaia, sempre con i Proxy di Siri. Qui si vede come funziona.

Apparentemente sembra tutto molto semplice. Si opera con la voce, anzi dialogando con una cortese assistente. Ricorda un po' le chiacchierate di Rick Deckard (Blade Runner) con la sua casa.  Un pezzo di futuro che si sta lentamente formando. Ancora una volta dal basso.

  • combattente hightech |

    parlo proprio di loquendo e degli sciagurati accordi commerciali che non le hanno portato nulla.. parlo della storia di tre ahimè bravi ragazzi che in Italia vengono presi a pedate perché nessuno perde tempo a capire il valore delle piattaforme.. parlo del fatto di raccontare un progetto in 15 minuti a qualcuno a cui servirebbero 15 gg per capire.. non mi dire che non ho insistito perché lo sto facendo ancora adesso.. il problema è che siamo in Italia e la cultura dell’innovazione non c’è in chi sta in cima..

  • Luca |

    Eggià…Dragon ma che dire di Loquendo? E’ un po’ la storia del common rail, sviluppato da Fiat e poi ceduto. Come dello skype inventato da Tiscali. Tu dici che bastava ascoltare? Forse crederci di più?

  • pl |

    avevamo la miglior tecnologia asr/tts mondiale poi venduta a nuance per una 50M anziché fare una cosa banale: voice as a platform come dal basso sta accadendo.. non ci voleva un genio ma l’umiltà di ascoltare.. ma i mngr nostrani secondo voi lo sono?!

  Post Precedente
Post Successivo