Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Gta V vuole il record di Call of Duty: 500 milioni di dollari in 24 ore

06_590-490
Esce oggi Grand theft auto V,il quinto capitolo della serie più discussa, osannata e odiata della storia dei videogame. L'ambizione del publisher Rockstar è quello di dare vita all'open world definitivo polverizzando tutti i record dell'industria videoludica. Dovrà insomma fare meglio di Call of Duty: Black Ops II che ha incassato nelle prime 24 ore dal lancio circa 500 milioni di dollari. un record non solo per il mondo dei giochi elettronici ma per tutta l'industria dell'intrattenimento. Secondo i dati diffusi da Chart-Track e pubblicati da Activision, lo sparatutto in  prima persona  ha raccolto un miliardo di dollari nelle prima due settimane di presenza sul mercato battendo non solo il vecchio detentore (Call of Duty: Modern Warfare 3) ma anche i più grandi successi del cinema (il record sul grande schermo è stato stabilito nel 2009 da "Avatar" che ha raggiunto il miliardo di dollari in 17 giorni). Gta V però è già passato allo storia per essere diventato il gioco con il bugget più alto. Secondo The Scotsman il titolo Rockstar sarebbe costato 256 milioni di dollari, un budget secondo solo ai 300 milioni di dollari spesi per il blockbuster hollywoodiano "I pirati dei caraibi: ai confini del mondo ". Una cifra gigantesca che dovrebbe spingere Grand Theft Auto V a vendere nel primo anno 25 milioni di copie per un giro di affari intorno al miliardo e mezzo di dollari (i pre-ordini avrebbero già superato i 2,5 milioni di copie). Ma più che altro quelle che ruotano intorno al gioco Rockstar sono cifre che raccontano una industria estrema e decadente al tempo stesso, con i difetti di Hollywood e i pregi delle economie di rete. Una industria frammentata, con una coda lunghissima che si sostiene vendendo quattro o cinque titoli all'anno dagli incassi milionari. Esistono due mercati, quello dei videogiochi tripla A (per console) e quello emergente delle applicazioni, degli indie, dei casaul games (tablet, smartphone e dispositivi mobili). Due mercati che mostrano progressi con segno opposto. Sulla convivenza di questi due giocatori si gioca il futuro delle nuove console (Xbox One e Ps4).