Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
pxl_20201110_154503609-portrait-01-cover-1-copia

Lo smartworking, io e il mio cane Zelda

Lavoro da casa da marzo, tipo dall’ultima settimana di febbraio. Prima di allora il mio cane Zelda mi vedeva uscire alle 8 di mattina e ritornare alle 19-19:30. Passeggiata alle sette e passeggiata breve alle 21:00. E poi a letto. Dal lunedì al venerdì. Il sabato passeggiata lunga nel pomeriggio e lunga la domenica. Poi potevano esserci eventi straordinari, come week end fuori o brevi escursioni fuori Milano ma il programma era questo. Da marzo la sua routine è cambiata quasi radicalmente. Le uscite di mattina e sera non cambiano ma io sono sempre a casa e usciamo anche il pomeriggio per una breve passeggiata.

Dopo dieci mesi così la nostra relazione è arrivata al capolinea. Il cane è diventato morboso e possessivo. Dove vado io viene lei. La casa è piccola quindi non ho molti luoghi in cui nascondermi.  Se mi alzo lei si alza, se mi siedo si butta giù accanto a me. E poi mi fissa. In continuazione.

Qui siamo nella camera da letto

pxl_20210125_143048361-portrait

Qui siamo in salotto

pxl_20210125_101902369-portrait

Qui all’ingresso della camera del bambino

mvimg_20200917_114233

Qui quando mi sdraio sul letto

pxl_20201110_154503609-portrait-01-cover

Qui ancora sul divano, non è  la foto di prima è un’altra.

img_20200412_190535_mp

Qui durante le vacanze d’agosto

00000img_00000_burst20200809184705643_cover

Lo vedete, mi fissa, seria seria. Lo sguardo non è benevolo  ma neanche cattivo. Tu lavori e percepisci come una presenza, costante, un giudizio. Alle volte ho l’impressioni di sentirla sbuffare. Ma è solo la mia immaginazione. Ci sono giorni che cerco di fare meno rumore possibile con la tastiera per non svegliarla e provo a cambiare stanza. Ci sono giornate in cui mi giro di scatto per vedere se dorme o mi fissa. Ho intenzione di parlarne con il suo veterinario. E anche con il mio psicologo. Che però non ho. Come ci si sente? In colpa. A essere osservati così ci si sente in colpa: per la pandemia, il lockdowm, per i parchi chiusi e pure per le giornate di pioggia. Poi però la chiami per noi, le fai una domanda, e lei smette di fissarti e comincia a battere la cosa. Allora pensi che va tutto bene.

  • Monica |

    La mia gatta, Marta, non mi fissa ma viene e si siede in braccio mentre lavoro al PC. Se faccio una riunione su zoom o una diretta passa fra me e il telefono. Passeggia sulla tastiera, si siede sulla mia sedia di lavoro. Quando mi siedo sul divano o vado a dormire, arriva e mi si sdraia addosso. Ormai siamo un tutt’uno. E un po’ di fastidio qualche volta che sono di corsa, lo ammetto, lo sento!

  • Francesca |

    Quando penso a questo strano anno, penso che ci sia anche del bello: la possibilità di passare tanto tempo – Tutto il tempo – con il mio cane. Anche lui mi sta sempre appiccicato, lavora con me, partecipa alle riunioni su Teams, dorme con me, guarda la tv, passeggia con me. Se io penso alla felicità, penso al suo sguardo.

  Post Precedente